Sabato (Ebr. « riposo »)

    172

    Il Sabato, o ultimo giorno della settimana ebraica, è ritenuto sacro per il culto di Dio e l’astensione dal lavoro (Es 20,10; 31,13-17). Quel giorno ricorda come Dio « si riposò » dal lavoro della creazione (Gn 2,2-3; Es 20,11; 31,17) e come il popolo fu liberato dall’Egitto (Dt 5,15). Contestando un’osservanza del Sabato che era divenuta strettamente legalistica (Mt 12,9-14; Me 2,23-28; 13,10-17), Gesù incontrò una forte opposizione quando affermò che « il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato » (Me 2,28; cf Gv 5,2-18). Gli Avventisti del settimo giorno osservano il sabato come il loro giorno sacro, come fa anche la Chiesa etiopica (non calcedonese). Cf Avventisti del settimo giorno; Cristianità etiopica; Domenica.