Risurrezione dei morti

    260

    È la vita definitiva che sarà effettuata dalla potenza di Dio per l’essere umano tutto intero (= « corpo e anima »). Sebbene in quanto tale sia sorta tardi nell’AT, la speranza in una risurrezione generale ebbe origine dall’antica fede ebraica in Dio in quanto fedele, giusto, onnipotente e Signore della vita. Le interpretazioni sulla natura della risurrezione sono state varie: dalle immagini di una rianimazione fisica (2 Mac 7,1-42; 12,44-45; 14,46) alla speranza in una esistenza trasformata e gloriosa (Dn 12,1-4) che si avvicina, anche se non è identica, alle attese di san Paolo circa un corpo « spirituale » (1 Cor 15,35-54). La predicazione di Gesù sul Regno finale presupponeva una risurrezione generale (Mt 8,11; Me 9,43-48; Le 11,31-32). La risposta di Gesù ai Sadducei mostra che egli intendeva la risurrezione dei morti come una forma nuova di esistenza umana (Me 12,18-27; cf Rm 14,9; 1 Cor 15,22-23; Col 1,18; Ap 1,15) in un mondo rinnovato e trasformato (cf LG 48-49; 51; GS 14, 22). Cf Anima; Cielo; Comunione dei Santi; Escatologia; Eternità; Letteratura apocalittica; Parusìa.