Predicazione

    446

    L’atto di proclamare la Parola di Dio nel culto cristiano, o di invitare alla conversione e al culto. Preceduto da Giovanni Battista (Me 1,1-8), Gesù ha proclamato la Buona Novella di Dio (Me 1,14-15) ed ha mandato i Dodici a predicare (Me 6,7-13). Pietro (Gal 2,7-8), Paolo e altri missionari cristiani hanno proclamato il vangelo di Gesù crocifisso e risorto dai morti come Cristo, Signore e Figlio di Dio (Rm 1,1-6.15-16; 10,14-18; Gal 1,15-16). Tra i grandi predicatori cristiani vanno ricordati: san Giovanni Crisostomo (circa 347-407), sant’Agostino di Ippona (354-430), il vescovo Giacomo Benigno Bossuet (1627-1704), Luigi Bourdaloue (1632-1704), John Wesley (1703-1791), John Henry Newman (1801-1890). L’Ordine dei Predicatori » è il nome dato all’Ordine religioso fondato da san Domenico di Guzman (1170-1221). Di fronte alla rivoluzione moderna dei mezzi di comunicazione sociale, lo stile di predicazione è cambiato notevolmente per servire meglio le sfide dell’evangelizzazione. Cf Catechesi; Culto; Evangelizzazione; Kèrigma; Omiletica; Parola di Dio; Proclamazione.