Peccato mortale e peccato veniale

    132

    Distinzione tra quei peccati che « escludono dal regno di Dio » (1 Cor 6,9-10; Gal 5,19-21; Ef 5,5) e quelli che non escludono (Gc 3,2; 1 Gv 1,8; 5,16-17). Un peccato mortale comporta un allontanamento deliberato e radicale da Dio fatto con chiara conoscenza e pieno consenso in una materia veramente grave (cf DS 1537,1544,1680-1682; FCC 8.070, 8.077; 9.240,9242). Porta come conseguenza la perdita della grazia santificante e il rischio della dannazione eterna. Il peccato veniale (Lat. « scusabile ») offende, sì, il rapporto con Dio e con gli altri, ma non comporta un’opzione fondamentale contro Dio. Il Codice del 1983 parla di peccati veniali (CIC 988) e di peccati « gravi » anziché di peccati mortali. Cf Grazia abituale; Inferno; Opzione fondamentale ; Sacramento della penitenza.