Parola di Dio

    211

    « Auto-rivelazione di Dio nella storia (DV 1-5,26), in quanto (a) espressa; (b) scritta e (c) incarnata. La parola di Dio è creatrice (Gn 1,1-2,4) e efficace (Is 55,10-11). Dio ha parlato per mezzo dei profeti dell’AT (Eb 1,1; 2 Pt 1,21). Gesù ha proclamato la parola di Dio (Le 5,1), come hanno fatto gli Apostoli (At 13,5; 17,13; 1 Ts2,13) e i loro successori nel predicare con verità il « vangelo di Dio » (1 Ts 2,9), una realtà che è ad un tempo rivelatrice e salvifica (Rm 1,15-17; 1 Cor 1,18; 2 Cor 16). Scritte sotto la speciale ispirazione dello Spirito Santo (Rm 15,4; 2 Tm 3,16; 2 Pt 1,20-21; cf DV 11), le Scritture sono la parola di Dio che illumina e nutre la liturgia, l’insegnamento e la vita della Chiesa. Il Figlio di Dio preesistente è la Parola che « si è fatta carne » (Gv 1,14), la personale auto-comunicazione di Dio. Cf Ispirazione; Lògos; Parola e Sacramento; Preesistenza; Profeta; Rivelazione.