Paradiso (Persiano « giardino recintato »)

    186

    Un parco cintato da un muro che contiene piante, frutti e animali esotici e connesso con un palazzo. Nei Settanta (LXX), questo è il « giardino dell’Eden », dove Adamo ed Èva vissero una volta e da dove furono cacciati dopo la loro caduta nel peccato (Gn 2,8-10.15; 3,23-24; Ez 28,13; 31,8; 36,35). Il termine « Paradiso » venne a designare il posto dei beati dopo la morte (Le 23,43), il « terzo cielo » sopra la terra dove una volta san Paolo fu rapito in estasi (2 Cor 12,2-4). Il libro dell’Apocalisse promette la vita nel « paradiso » di Dio, dove i beati avranno da mangiare « dell’albero della vita » (Ap 2,7; 22,12.14). Cf Cielo; Escatologia; Settanta.