Padri della Chiesa

    319

    Titolo popolare dato a certi cristiani dei primi secoli che scrissero in Greco, Latino, Siriaco e Armeno e la cui dottrina e santità personale ottennero l’approvazione generale nella Chiesa. « I Padri… sono – anche se ognuno in maniera e misure molto diverse – come i classici della cultura cristiana (Congregazione per l’Educazione Cattolica, Istruzione sullo studio dei Padri della Chiesa nella formazione sacerdotale, [1989]; n. 42). Nelle controversie teologiche, divenne tradizionale appellarsi ai Padri Greci e Latini e il loro consenso unanime è ritenuto argomento decisivo (cf DS 271,510-520,2856, 3541; FCC 1.051,2.013,4.051-4.057). In Occidente, si ritiene come ultimo Padre della Chiesa sant’Isidoro di Siviglia (circa 560-636), mentre per l’Oriente l’ultimo è san Giovanni Damasceno (circa 675 – circa 749). Cf Padri cappadoci; Patristica; Patrologia.