Note (segni) della Chiesa

    158

    Sono le qualità essenziali della Chiesa di Cristo: unità, santità, cattolicità, apostolicità (Simbolo Niceno-Costantinopolitano). Dopo che Giovanni Wycliffe (circa 1330-1384) e Giovanni Hus (circa 1372-1415) ebbero accentuato il lato « spirituale » della Chiesa, il cardinale domenicano Giovanni da Torquemada (zio del futuro grande inquisitore) scrisse nel 1431 un trattato sulla Chiesa basato sulle sue quattro note visibili. Durante la Riforma, certi apologisti, come il cardinale Stanislao Osio (1504-1579) e san Roberto Bellarmino (1542-1621) accentuarono queste note per reagire a quelli che, come Martin Lutero (1483-1546), sostenevano che l’insegnamento genuino del vangelo era l’unica nota caratteristica della vera Chiesa di Gesù Cristo. Ai giorni nostri, la denuncia profetica dell’ingiustizia e l’azione contro di essa hanno assunto un grande ruolo come segno visibile della santità della Chiesa nel mondo; vedi Giovanni Paolo II, enciclica Sollicitudo rei socialis (1987). Cf Apostolicità; Cattolicità; Chiesa; Hussiti; Riforma (La); Santità; Santità della Chiesa.