Luce di gloria

    158

    Quella luce di cui hanno bisogno quanti sono in cielo per vedere Dio nella visione beatifica. Il Salmo 36,10 dice: « Alla tua luce vediamo la luce ». L’Apocalisse parla della luce divina che sostituisce la luce normale nella nuova Gerusalemme (Ap 21,23; 22,5). Contro gli errori attribuiti ai Begardi e alle Beghine, l’insegnamento ufficiale del Magistero definì che l’intelletto umano non può vedere Dio senza la speciale luce di gloria (cf DS 895). L’Occidente tende ad interpretare questa luce come qualcosa di creato, un abito soprannaturale che trasforma il nostro intelletto. L’Oriente identifica questa luce con Dio, mentre ammette una distinzione tra l’essenza divina inaccessibile e l’energia di Dio che è trasformante. Cf Abito; Esicasmo; Essenza ed energie; Palamismo; Visione beatifica.