Kyrios (Gr. « Signore »)

    167

    È uno che ha diritti sovrani e pieni poteri su qualcuno o qualcosa. È una formula cortese che si rivolge a qualcuno. Nell’AT, Dio è chiamato « Signore » e (specialmente nei libri profetici) « Signore degli eserciti ». Quando Gesù riceve il titolo di « Signore » (Me 12,36; Le 19,31; Gv 20,18; 1 Cor 12,3; Fil 2,11; 2 Pt 2,20; Ap 22,20-21), è chiaramente riconosciuto come uno che non è un semplice uomo. Che questo titolo cristologico abbia un’origine veterotestamentaria e ebraica o un’origine ellenistica-pagana (dove si chiamava così l’imperatore ritenuto divino), è ancora oggetto di dibattito. Cf Cristologia; Geova.