Ipostasi (Gr. « sostanza », « che sta o è situato sotto »)

    194

    La natura sostanziale o la realtà che sottostà a qualcosa (cf Eb 1,3). Il termine creò problemi nelle controversie cristologiche e trinitarie dei secoli IV e V, quando venne a significare una « realtà concreta e singola », o una « esistenza distinta personale ». Alla fine, l’insegnamento ufficiale della Chiesa parlò di Dio come di tre « ipostasi » che condividono l’unica sostanza o natura, e di Cristo come di due nature in una « ipostasi » o persona (cf DS 125-126; 300-303; 421; FCC 0.503-0.504,4.012-4.013). Cf Concilio di Calcedonio; Concilio di Nicea I; Monofisimo; Neo-calcedonismo.