Inferno

    463

    Il « luogo » o lo stato dove i demoni e i peccatori morti senza pentirsi soffrono per sempre (DS 1002; FCC 0.019). Questo castigo eterno, che varia a seconda della gravità dei peccati commessi (cf DS 1306; FCC 0.024), consiste nell’esclusione dalla presenza di Dio {poena damni = dannazione vera e propria), e nel soffrire un « fuoco » inestinguibile, ma non specificato {poena sensus; cf DS 443,780; FCC 9.036) L’insegnamento della Chiesa si basa sul NT (Mt 13,36-43; 25,31-46) nell’insistere sulla possibilità dell’inferno per coloro che con deliberata cattiveria rifiutano di amare Dio e il loro prossimo. Non si pronuncia, invece, sul numero dei dannati. L’amore salvifico di Dio verso tutti rimane una forza fondamentale ed efficace (1 Cor 15,28; 1 Tm 2,3-6). Cf Apocatastasi; Escatologia; Indurimento del cuore.