Induismo

    346

    Una delle religioni principali del mondo e la religione principale del subcontinente indiano. L’Induismo non è stato fondato da una persona singola in un punto preciso della storia; non ha un sistema preciso di verità; accetta molte divinità, in particolare Brahma che ha creato l’universo, Visnù che lo protegge e Siva che lo distrugge. Eppure, queste divinità sono intese soltanto come manifestazioni differenti di un Unico Dio Supremo (Siva per il Saivismo, o Visnù per il Vaishnavismo), nella corrente teista, o di un Assoluto divino, impersonale (Brahman) nella corrente non dualista. I primi scritti sacri dell’Induismo sono i Vedas; poi si ebbero trattati più mistici chiamati Upanishads l’opera religiosa più popolare è la Bhagavad-gita. L’Induismo è stato trasmesso mediante la tradizione di maestri spirituali e di insegnanti nelle differenti caste e nei vari contesti socio-culturali. Le sue pratiche ascetiche e la meditazione (« dhyana ») mediante lo yoga mirano a liberare dalla passione e dall’ansia per unirsi a Dio nell’amore e nell’abbandono (corrente teista) o a venire assorbiti nel definitivo Assoluto divino (corrente non dualista). Si ritiene che la libertà avvenga di solito dopo una serie di re-incarnazioni (cf NA 2). Cf Religione; Religioni del mondo.