Filosofia perenne

    131

    Un tema che è stato reso popolare dalla Neo-Scolastica e che risale ad un libro scritto da Agostino Steuchus (1496-1548), vescovo di Kissamos nell’isola di Creta. Questi, nel suo De perenni philosophia (1540) affermava un’armonia essenziale tra il pensiero di platonici cristiani come Marsilio Ficino (1433-1499) e Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494) e la filosofia dell’antichità classica. In seguito, altri scrittori, come Goffredo Gugliemo Leibniz (1646-1716), svilupparono questa tesi e sostennero un’unità fondamentale nell’intera storia del pensiero occidentale. Aldous Huxley (1894-1963) e altri hanno usato il termine filosofia perenne in un senso più ampio, affermando che tutte le grandi tradizioni religiose condividono la stessa sapienza antica. Cf Neo-Aristotelismo ; Nea-Scolastica; Neo-Tomismo; Platonismo; Scolastica; Tomismo.