Critica biblica

    215

    Si chiama così la ricerca moderna di una comprensione più ricca della Bibbia seguendo, da parte degli studiosi, vari approcci. La critica testuale cerca di stabilire, fin dove è possibile, le parole originali della Scrittura. La critica storica si propone di chiarire la data, il primo contesto e l’intento di ogni libro biblico, servendosi dell’apporto di altre scritture e fonti esterne, come possono essere i reperti archeologici e la letteratura extra-biblica. La critica delle forme analizza e classifica i generi del linguaggio e dello scritto biblico (per es., le parabole e i racconti di miracoli). La critica delle tradizioni indaga sul modo con cui sono entrate nei libri della Bibbia le tradizioni orali e scritte così come le possediamo ora. La critica delle redazioni studia: 1) le motivazioni e i propositi degli autori biblici nel pubblicare le tradizioni ereditate e 2) il significato e il messaggio che desideravano trasmettere ai loro specifici destinatari. La critica letteraria tratta del valore e dell’impatto dei testi biblici in quanto opere di letteratura (cf DS 3829-3831; FCC 2.069). Cf Ermeneutica; Parabola; Quelle; Redaktiongeschichte; Sensi della Scrittura; Vangeli sinottici.