Contrizione

    233

    È il dolore sincero dei peccati commessi accompagnato dal proposito di non peccare di nuovo (cf Sai 51; Le 15,11-32; 18,9-14; DS 1676-1678; FCC 9.236-9.238). La contrizione è necessaria affinché il sacramento della penitenza sia valido (cf DS 1451-1465; 1704; FCC 7.089-7.091, 8.047-8.049, 9.218-9.226, 9.260). Cf Attrizione; Metànoia; Sacramento della penitenza.