Comunità ecclesiale

    58

    La comunità ecclesiale è segno dell’azione salvifica di Cristo, dell’amore provvidenziale del Padre e della presenza di comunione dello Spirito Santo.

    Essa è parte del territorio in cui si radica per annunciare, in comunione con la Chiesa universale, il Dio di Gesù Cristo ad ogni uomo, e per condurre tutti all’incontro con Lui. Per comunità ecclesiale si intende la diocesi, la parrocchia, in quanto “comunità di fedeli costituita stabilmente nell’ambito di una chiesa particolare” (CJC 515), le comunità religiose e di vita consacrata e le aggregazioni laicali che operano nella chiesa diocesana.

    La comunità ecclesiale esercita questa sua missione in quanto comunità profetica, sacerdotale e regale, favorendo nei battezzati la maturazione dell’identità cristiana attraverso la catechesi, la liturgia e la testimonianza della carità.

    Nella fede, speranza e carità accoglie il dono della comunione trinitaria nella comunione fraterna, attiva itinerari di iniziazione cristiana e di catechesi permanente, si apre al dialogo con altre culture e religioni esprimendo la sua identità di «sacramento dell’unità del genere umano» in cammino verso il regno di Dio (Cf. LG 9).

    (Cf. Orientamenti, nn. 21, 48, 64, 71-72, 86)