Cantillazione

    223

    Cantare o recitare brani di poesia o di prosa (tolti spesso dalla Bibbia) durante le cerimonie liturgiche. È una prassi che è stata ereditata dall’ebraismo. Il Nuovo Testamento riporta inni cristiani (per es., Le 1,46-55; Fil 2,6-11; 1 Tm 3,16) che sono anteriori agli scritti neotestamentari. Sant’Efrem Siro (circa 306-373) ha composto inni per varie feste della Chiesa e per altre occasioni liturgiche per cui si è meritato il nome di « arpa dello Spirito Santo ». Attraverso santuario di Poitiers (circa 310-367), la cantillazione sembra essersi diffusa dall’Oriente all’Occidente. Nei riti d’Oriente, la liturgia è sempre cantata e, in molti luoghi, per non dire tutti, sono ammessi solo gli strumenti a percussione. Cf Canto gregoriano; Liturgia.