Film: 1917 – Il vero nemico è il tempo – Valutazione Pastorale

533

Anno 1917, nel pieno della Prima guerra mondiale, i caporali William Schofield e Tom Blake dell’esercito inglese ricevono l’ordine di individuare e raggiungere il battaglione appostato nel bosco di Croisilles in Francia, consegnare al colonnello MacKenzie una lettera da parte del generale Erinmore e salvare così centinaia di commilitoni da morte sicura per opera dei tedeschi…

Valutazione Pastorale

Quello di Sam Mendes è un esordio che lascia il segno. Nel 1998, dirigendo “American Beauty”, si aggiudica Oscar alla regia e al miglior film. Da quel momento la sua strada è tutta in discesa fino a “Skyfall” (2012) e “Spectre” (2015), le più recente avventura targata James Bond. Dopo quattro anni, il regista inglese cambia, però, registro, e sceglie uno scenario di guerra, il 1917 l’anno centrale della Prima guerra mondiale. “Una storia di fantasia – dice Mendes – nella quale situazioni e dettagli rimandano alle storie vere che mio nonno, Alfred H. Mendes, ha vissuto in prima persona o che ha sentito raccontare dai suoi commilitoni”.

Il ritorno a casa (almeno geografico, in Europa) ha voluto dire tornare a confrontarsi con una vicenda di duro e sofferto realismo. I due ragazzi protagonisti affrontano una missione impossibile, nella quale il loro vero nemico è il tempo, che scorre inesorabile e dietro il quale c’è la salvezza o la tragedia. La necessità di creare una crescente tensione emotiva ha spinto Mendes a immaginare questo viaggio estremo come il confronto con una situazione senza via d’uscita. E il percorso nella “terra di nessuno” diventa come la perdita di senso in un terrificante labirinto. Mendes promuove a protagonista il piano sequenza, per cui lo spettatore resta accanto ai due soldati, sempre e comunque.

Ne esce uno stile visivo affascinante e insieme claustrofobico, visionario e a rischio di ripetizione. Nella narrazione, al contrario, viene in mente “Gli anni spezzati” (1981) di Peter Weir; bisogna poi aggiungere che il visionario kolossal “1917” è più vicino a “Uomini contro” (1970) di Francesco Rosi che a “Orizzonti di gloria” (1957) di Stanley Kubrick. L’impresa di Mendes è certo memorabile, degna di ricevere adeguati premi Oscar (in gara con 10 nomination). E tuttavia lo splendore della messa in scena sembra quasi far passare in secondo piano l’atroce sofferenza dei due protagonisti. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, problematico e da affidare ad opportune riflessioni.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni, come proposta di forte valore morale perché incentrata su una vicenda di sacrificio e di rischio, per un ulteriore invito a leggere una pagina tragica, vista nella duplice prospettiva della piccola storia umana dei due ragazzi e della grande Storia che si muoveva intorno.

Interpreti e ruoli

George MacKay (Caporale Schofield), Dean-Charles Chapman (Caporale Blake), Mark Strong (Capitano Smith), Andrew Scott (Tenente Leslie), Richard Madden (Tenente Joseph Blake), Claire Duburq ( Lauri), Colin Firth (Generale Erinmore), Benedict Cumberbatch (Colonnello Mackenzie).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.