Pubblicità
Vangelo del Giorno
Home / Commenti al Vangelo - Solo Testo / Commento al Vangelo del 23 luglio 2017 – Fraternità Gesù Risorto

Commento al Vangelo del 23 luglio 2017 – Fraternità Gesù Risorto

Pubblicità

Il bene e il male. Il bene dà gioia e custodisce la vita, la fa crescere, le dà un significato ammirabile. Il male crea sofferenza, si propaga, è contagioso, distribuisce morte e spezza la vita. Dove sono il bene e il male? Il bene con i suoi frutti c’è là dove Dio è presente e viene ubbidito e amato. Il male spunta là dove Dio viene dimenticato, se non addirittura osteggiato e odiato. Il bene e il male sono nel mio cuore e dal mio cuore si diffondono. E così pure nel cuore di ogni uomo. Dio è sempre misericordia e clemenza, per questo egli vuole il bene dell’uomo, perché lo vuole felice. Egli, che sa e vede la sofferenza degli uomini, vuole vincere il male, estirparlo dai cuori, ma come può farlo senza usare la violenza? Queste sono alcune delle domande cui vuole rispondere il libro della Sapienza. Dio non usa violenza, ma fa in modo che l’uomo debba arrivare ad essere umile, a rendersi conto che da solo non può farcela, e quindi abbandoni la sua superbia per chiedere aiuto. Per questo, come dice Maria nel cantico del Magnificat, Dio abbatte i superbi dai troni e rimanda i ricchi a mani vuote: ad essi l’azione di Dio sembra un male, ma chi vuole la loro salvezza sa che questa è l’unica strada percorribile. “Con tale modo di agire hai insegnato al tuo popolo che il giusto deve amare gli uomini, e hai dato ai tuoi figli la buona speranza che, dopo i peccati, tu concedi il pentimento”. Dio non può essere accusato di cattiveria verso gli uomini, che ama smisuratamente.

La riflessione di San Paolo aggiunge un altro aspetto. Noi, anche se benintenzionati, non sappiamo “come pregare in modo conveniente”: dobbiamo affidarci all’aiuto dello Spirito, che conosce le nostre debolezze e prega in noi secondo i voleri di Dio. Lo Spirito prega per noi in modo che la nostra vita entri nel cuore del Padre, e perciò ci porta all’umiltà e alla carità, sempre gradite a Dio.

Gesù racconta poi tre parabole per descriverci “il regno dei cieli”, il regno di cui lui stesso è re per volere del Padre. La prima parabola fa ancora riferimento al male che s’affretta a creare confusione e a danneggiare l’opera di Dio. Il male non viene da Dio, ma dal suo nemico, che è sempre in agguato e agisce di nascosto cercando di non farsi vedere né notare. Egli mescola i suoi cattivi seguaci in mezzo a tutti i figli di Dio, come la zizzania tra la buona semente, in modo tale che questa si aggrappa a loro, tanto da non poterla separare senza danno. Saremo quindi messi alla prova sempre, ci troveremo sempre fianco a fianco di realtà difficili e negative, con persone guidate non dallo Spirito Santo, bensì dal nemico di Dio. Il regno di Dio non sarà mai un’isola felice, un luogo senza problemi, senza tentazioni. Dovremo sempre ripetere nella nostra preghiera: “Non abbandonarci nella tentazione”, e sarà sempre necessaria ed efficace la preghiera con cui Gesù chiede al Padre: “Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno”. Quando verrà il momento adatto, i mietitori separeranno la zizzania dal grano, che avranno diversa sorte: questo nel granaio, quella nel fuoco. Nella spiegazione Gesù dirà poi che i mietitori sono gli angeli. Non avremo noi, nemmeno gli apostoli, questo compito delicato e difficile, perciò non dobbiamo nemmeno esercitarci in esso. Mai è giustificato il nostro giudizio per nessuno, nemmeno per quelli che istintivamente riconosciamo come malvagi. Il male esiste, ma non deve diventare l’oggetto della nostra attenzione. Per distoglierla Gesù racconta altre due brevi parabole.

L’interesse è sempre sul regno dei cieli. È piccolo, o, perlomeno, inizia in maniera da apparire insignificante agli occhi umani, come il granellino di senape, che sfugge allo sguardo, tant’è piccolo. Il regno inizia dal niente, ma diventa utile a molti. Proprio come il granellino di senape: da esso spunta un alberello sui cui rametti possono posarsi e trovare riposo e posto per il nido gli uccelli del cielo. I discepoli che odono l’espressione “uccelli del cielo” pensano ai popoli pagani, perché questo è il significato cui fanno pensare gli scritti profetici. E noi infatti vediamo oggi quanto beneficio ricevono anche i non cristiani dalla presenza e dall’opera della Chiesa nelle nazioni! Ospedali e scuole e altre iniziative cominciate e sostenute dai cristiani diventano, in moltissime nazioni, un dono per tutti, anche per i pagani, per i musulmani, per gli induisti. Poi Gesù ha osservato le donne che fanno il pane: ha visto la piccola dimensione del lievito che esse mescolano dentro una grande massa di farina. Nessuno vede più il lievito, ma il pane diventa buono, soffice e nutriente per tutti. Non ci scoraggeremo se siamo sempre pochi, non ci deprimeremo se nessuno si accorge di noi. Ci ricorderemo del granellino e del lievito. La nostra presenza nel mondo è sempre un dono per tutti, un dono di Dio anche per quelli che non lo conoscono! La nostra presenza nel mondo è vittoria su quel male che fa paura e mette inquietudine. Diveniamo artefici della vittoria di Dio, perché siamo uniti a Gesù, vero salvatore del mondo.

A cura della Casa di Preghiera S.Maria Assunta – Tavodo  -Via della Pieve, 3 – 38078 SAN LORENZO DORSINO – TN

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 23 luglio 2017 anche qui.

XVI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 13, 24-43
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”. E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponètelo nel mio granaio”».
Espose loro un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».
Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: «Aprirò la mia bocca con parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo».

Poi congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 16 – 22 Luglio 2017
  • Tempo Ordinario XV, Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A | Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *