Audio e Video cattolici italiani
Pubblicità

Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 10 settembre 2017

Pubblicità

LA PRESENZA DI CRISTO RISORTO IN MEZZO A NOI

La correzione fraterna è un dovere, da compiere però con discrezione e carità. D’altra parte, quando il male dilaga e diventa ostinato, allora tutta la comunità è interessata alla correzione fraterna, per vigilare e non lasciarsi contagiare dal male.

IL Signore ci ha costituiti sentinelle premurose e attente a favore dei fratelli (I Lettura). Dalle parole dell’apostolo Paolo, infatti, intuiamo che il debito dell’amore vicendevole è un seme che germoglia con il rispetto e fruttifica con la stima reciproca (II Lettura). È fin troppo evidente la presenza di conflitti non sciolti nelle famiglie e nelle comunità. L’orgoglio e il desiderio di vendetta seduce tutto il genere umano e lo incolla alla polvere di questa terra. Cristo Signore – che ha vinto il peccato dal trono della croce – continua ad istruire i suoi perché «non sanno quello che fanno» (Lc 23,34).
Ai cristiani è indicata l’urgenza e la via della concordia (Vangelo): la riconciliazione è talmente importante da coinvolgere un crescendo di persone. Tuttavia possiamo individuare la chiave di lettura negli ultimi versetti del Vangelo: la preghiera a Dio. Avere il Signore come riferimento alzerà lo sguardo del nostro cuore al cielo, affinché possiamo prendere coscienza di quanto male facciano i grovigli di antichi rancori che incatenano ancora i nostri figli.

Fr. Gianfranco Tinello, OFMCap – Via

[box type=”note” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 10 settembre 2017 anche qui.

XXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 18, 15-20
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.
In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.
In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 10 – 16 Settembre 2017
  • Tempo Ordinario XXIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Commenti
Loading...

Iscriviti alla NEWSLETTER GIORNALIERA

Vuoi ricevere la newsletter, ogni giorno, con tutti i nuovi articoli del sito?

Accetto la Privacy Policy e tranquilli, non verrà inviata spam :-)