Commento al Vangelo di Matteo – Mt 2, 13-15

43

E’ impressionante la contiguità tra la memoria della visita dei Magi, il loro congedo segreto a causa delle trame di Erode e quindi questa fuga notturna verso l’Egitto.

Ma è straordinario e meraviglioso che il motivo profondo di ciò stia nel riferimento all’antico esodo di Israele dall’Egitto che qui diventa memoria e adempimento in Gesù di quello che gli antichi padri di Israele hanno vissuto secoli prima!

Allora era l’arca della tavola della Legge mosaica ad essere portata verso la Terra Promessa.

Ora sarà il Figlio di Dio, esposto al sacrificio pasquale ora preannunciato dal disegno di morte di Erode, che nel suo “Esodo” dall’Egitto porterà alla salvezza il suo popolo  e sarà l’evento di salvezza per tutta l’umanità.

Dio ti benedica. E tu benedicimi. Tuo. Giovanni.

Leggi qui il brano.

A cura di don Giovanni Nicolini

Articolo precedenteCommento al Vangelo di Matteo – Mt 2, 9-12
Articolo successivoCommento al Vangelo di Matteo – Mt 2, 16-18