Commento a Levitico 5-8 (Lv 5-8)

66

Dopo altre norme più dettagliate per casi specifici che necessitavano di sacrifici e olocausti, qui in Levitico si parla nuovamente della consacrazione di Aronne e dei suoi figli da parte di Mosè. Il quale, oltre all’unzione con l’olio, pone il sangue del secondo ariete offerto, detto dell’investitura, «sul lobo del loro orecchio destro, sul pollice della mano destra e sull’alluce del piede destro».

Queste parti del corpo sono state variamente allegorizzate. Fulton Sheen ci parla di orecchio come ascolto obbediente alla Parola di Dio, mano per compiere buone azioni e piede per camminare sempre sulla strada del Signore. Elia Kopciowski, che fu rabbino capo di Milano negli anni ʼ70, spiega più propriamente così: «Porgere orecchio benevolo e comprensivo alle richieste, alle suppliche, agli interrogativi del popolo; stendere mani forti che sostengano il popolo, che lo benedicano, che compiano opere costruttive e generose; procedere con piede fermo sulla strada tracciata dalla Torà, perché lungo è il cammino che attende il popolo, ed irto di ostacoli e di pericoli».

In questa giornata fai particolarmente attenzione: Come ascolti? Come agisci? In che direzione vai?

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedenteCommento a Levitico 1-4 (Lv 1-4)
Articolo successivoCommento a Levitico 9-12 (Lv 9-12)