Commento a Deuteronomio 9-12 (Dt 9-12)

52

La grandezza del Popolo sta nel cogliere l’opportunità di vivere la proposta di giustizia che gli viene offerta: tutelare l’orfano, la vedova, lo straniero, chi è indifeso e rischia di essere sopraffatto da corrotti con ampie disponibilità di denaro e avvocati. In questi capitoli di Deuteronomio è chiaro: dall’osservanza della giustizia verso Dio e i fratelli dipende la benedizione per Israele.

Le ingiustizie invece attirano disgrazie. Dio sa che il Popolo ha la zucca dura; continuamente gli si ribella, ma nondimeno il Signore continua ad offrirgli una rinnovata alleanza: ora a dover essere circoncisa non è più solo la carne degli uomini di Israele, ma pure il cuore. Nella sede delle decisioni vi sarà dunque un segno di tale alleanza.

Vissuto con impegno, questo amore fedele sarà irresistibile e non si potrà contaminare con surrogati mondani.

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedenteCommento a Lettera ai Gàlati 1, 6-10
Articolo successivoFabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 17 Maggio 2021