Commento a 2 Samuele 21-24 (2Sam 21-24)

55

In conclusione ai libri di Samuele troviamo un Salmo e un censimento ordinato da David. Non si esplicita il motivo, ma lo stesso sovrano è pronto a pentirsi per aver compiuto questo gesto visto come di sfida alla sovranità di Dio: voler contare il Popolo per poterlo controllare totalmente e organizzare un esercito regolare, anziché basato su forze volontarie.

David però si rende conto del suo errore e subito si pente, chiede che vengano evitate le due punizioni peggiori, mentre Dio comunque interviene per fermare la terza, prima che la pestilenza faccia volga l’intero territorio allo sterminio. David è consapevole di essere il responsabile e vuole sistemare tutte le cose personalmente, per quanto possibile.

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedenteCommento a 2 Samuele 17-20 (2Sam 17-20)
Articolo successivoVenezia 1600 – Il convento dei frati cappuccini del Redentore, dove la giornata è scandita da preghiera, orto e aiuto ai poveri