Commento a 1 Samuele 25-28 (1Sam 25-28)

73

Una donna, Abigail, riesce a vincere sia la diffidenza di suo marito Nabal verso gli inviati di David, sia il desiderio di vendetta che ha David verso la famiglia di Nabal che ha rifiutato di accoglierli. Abigail si assume la colpa di non essere stata attenta, pronta ad accorgersi che qualcuno aveva bisogno del suo aiuto.

Corre incontro a David cercando di rimediare per quanto possibile. E infatti David cambia idea: non sarà lui a disporre della vita di Nabal, non sarà lui a farsi giustizia da solo, ma il Signore. Dopo la morte di Nabal, David accoglierà Abigail come seconda moglie, dopo aver ricevuto da lei la sua profezia.

Pensa a un gesto che potresti compiere oggi per disinnescare ostilità, vendette e diffidenze reciproche. Sei pronto ad assumerti questa responsabilità?

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedenteCommento a 1 Samuele 20-24 (1Sam 20-24)
Articolo successivoCommento a 1 Samuele 29-31 (1Sam 29-31)