Commento a 1 Samuele 20-24 (1Sam 20-24)

68

L’inseguimento di re Saul alla caccia di David è avventuroso. David può contare sull’aiuto del principe Gionata, del sacerdote Abimelech, di altri uomini che con lui si mettono in armi e sconfiggono i Filistei.

Ma pure Saul ha le sue śpię, e fa uccidere svariati sacerdoti che sarebbero stati in combutta con David, di cui aveva tremendamente invidia. Saul sapeva che David gli sarebbe prima o poi succeduto al trono di Israele. L’inseguimento finisce. In una grotta, David e i suoi uomini hanno in mano Saul ma decidono di risparmiargli la vita.

Il re riconosce la giustizia e la bontà di David, si pente di aver cercato di ucciderlo e riconosce che David diventerà re: per questo gli chiede di non fare del male ai suoi discendenti.

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedentedon Claudio Luigi Fasulo – Commento al Vangelo del 27 Giugno 2021
Articolo successivoCommento a 1 Samuele 25-28 (1Sam 25-28)