Commento a 1 Samuele 1-3 (1Sam 1-3)

194

Con la nascita del figlio Samuele, finalmente Anna non può più subire ulteriori umiliazioni per la sua sterilità come quelle di Peninna, altra moglie dello stesso marito Elkanna. Le lacrime e le preghiere silenziose di Anna, così come la sua gratitudine dopo aver partorito, fioriscono in un Canto di preghiera che ispirerà il Magnificat di Maria. Cantiamo dunque con Anna la rivoluzione, il rovesciamento, la conversione operata da Dio che ci rende liberi nella realtà della storia:
«Il mio cuore esulta nel Signore,
la mia forza s’innalza grazie al mio Dio.
Si apre la mia bocca contro i miei nemici,
perché io gioisco per la tua salvezza.
Non c’è santo come il Signore,
perché non c’è altri all’infuori di te
e non c’è roccia come il nostro Dio.
Non moltiplicate i discorsi superbi,
dalla vostra bocca non esca arroganza,
perché il Signore è un Dio che sa tutto
e da lui sono ponderate le azioni.
L’arco dei forti s’è spezzato,
ma i deboli si sono rivestiti di vigore.
I sazi si sono venduti per un pane,
hanno smesso di farlo gli affamati.
La sterile ha partorito sette volte
e la ricca di figli è sfiorita.
Il Signore fa morire e fa vivere,
scendere agli inferi e risalire.
Il Signore rende povero e arricchisce,
abbassa ed esalta.
Solleva dalla polvere il debole,
dall’immondizia rialza il povero,
per farli sedere con i nobili
e assegnare loro un trono di gloria.
Perché al Signore appartengono i cardini della terra
e su di essi egli poggia il mondo.
Sui passi dei suoi fedeli egli veglia,
ma i malvagi tacciono nelle tenebre.
Poiché con la sua forza l’uomo non prevale.
Il Signore distruggerà i suoi avversari!
Contro di essi tuonerà dal cielo.
Il Signore giudicherà le estremità della terra;
darà forza al suo re,
innalzerà la potenza del suo consacrato».

Leggi qui i capitoli della Bibbia.

A cura di Piotr Zygulski

Articolo precedenteLuigino Bruni – Commento al Vangelo di domenica 6 Giugno 2021
Articolo successivoCommento a 1 Samuele 4-7 (1Sam 4-7)