Udienza Generale del 17 dicembre 2008

90

Natale: occasione per meditare sul senso dell’esistenza

Udienza del PapaCITTA’ DEL VATICANO, 17 DIC. 2008 (VIS). Il Santo Padre Benedetto XVI ha dedicato la catechesi dell’ultima Udienza Generale del 2008, tenutasi nell’Aula Paolo VI, al Natale del Signore, che è “una festa universale”.

Ascolta le parole del Santo Padre

[audio:http://media01.vatiradio.va/podcast/00142555.MP3]

“Anche chi non si professa credente, infatti” – ha detto il Papa – “può percepire in questa annuale ricorrenza cristiana qualcosa di straordinario e di trascendente, qualcosa di intimo che parla al cuore. E’ la festa che canta il dono della vita. La nascita di un bambino dovrebbe essere sempre un evento che reca gioia”.

“Il Natale è l’incontro con un neonato che vagisce in una misera grotta. Contemplandolo nel presepe come non pensare ai tanti bambini che ancora oggi vengono alla luce in una grande povertà, in molte regioni del mondo? Come non pensare ai neonati non accolti e rifiutati, a quelli che non riescono a sopravvivere per carenza di cure e di attenzioni? Come non pensare anche alle famiglie che vorrebbero la gioia di un figlio e non vedono colmata questa loro attesa?”.

“Sotto la spinta di un consumismo edonista, purtroppo, il Natale rischia di perdere il suo significato spirituale per ridursi a mera occasione commerciale di acquisti e scambi di doni! In verità, però, le difficoltà, le incertezze e la stessa crisi economica che in questi mesi stanno vivendo tantissime famiglie, e che tocca l’intera umanità, possono essere uno stimolo a riscoprire il calore della semplicità, dell’amicizia e della solidarietà, valori tipici del Natale. Spogliato delle incrostazioni consumistiche e materialistiche, il Natale può diventare così un’occasione per accogliere, come regalo personale, il messaggio di speranza che promana dal mistero della nascita di Cristo”.

“Tutto questo però non basta per cogliere nella sua pienezza il valore della festa alla quale ci stiamo preparando. Noi sappiamo che essa celebra l’avvenimento centrale della storia: l’Incarnazione del Verbo divino per la redenzione dell’umanità. (…) Si rinnova infatti per noi nel ricorrente ciclo annuale l’alto mistero della nostra salvezza, che, promesso, all’inizio e accordato alla fine dei tempi, è destinato a durare senza fine”.

“A Natale dunque non ci limitiamo a commemorare la nascita di un grande personaggio; non celebriamo semplicemente ed in astratto il mistero della nascita dell’uomo o in generale il mistero della vita. (…) A Natale ricordiamo qualcosa di assai concreto ed importante per gli uomini, qualcosa di essenziale per la fede cristiana, una verità che San Giovanni riassume in questa poche parole: ‘il Verbo si è fatto carne’. Si tratta di un evento storico che l’evangelista Luca si preoccupa di situare in un contesto ben determinato: nei giorni in cui fu emanato il decreto per il primo censimento di Cesare Augusto, quando Quirino era governatore della Siria”.

“Nel buio della notte di Betlemme si accese una grande luce: il Creatore dell’universo si è incarnato unendosi indissolubilmente per sempre alla natura umana, sì da essere realmente ‘Dio da Dio, luce da luce’ e al tempo stesso uomo, vero uomo. Quel che Giovanni, chiama (…) il ‘Verbo’ – significa anche ‘il Senso’. (…) Il ‘Senso’ che si è fatto carne non è semplicemente un’idea generale insista nel mondo; è una ‘Parola’ rivolta a noi”.

“Il Senso ha potere: è Dio. Un Dio buono, che non va confuso con un qualche essere eccelso e lontano, a cui non ci è dato di arrivare mai, ma un Dio che si è fatto nostro prossimo e ci è molto vicino. (…) Nella grotta di Betlemme, Dio si mostra a noi umile ‘infante’ per vincere la nostra superbia. (…) Si è fatto piccolo per liberarsi da quell’umana pretesa di grandezza che scaturisce dalla superbia; si è liberamente incarnato per rendere noi veramente liberi, liberi di amarlo”.

“Cari fratelli e sorelle, il Natale” – ha concluso il Papa – “è un’opportunità privilegiata per meditare sul senso e sul valore della nostra esistenza. L’approssimarsi di questa solennità ci aiuta a riflettere, da una parte, sulla drammaticità della storia nella quale gli uomini, feriti dal peccato, sono perennemente alla ricerca della felicità e di un senso appagante del vivere e del morire; dall’altra, ci esorta a meditare sulla bontà misericordiosa di Dio, che è venuto incontro all’uomo per comunicargli direttamente la Verità che salva, e per renderlo partecipe della sua amicizia e della sua vita”.

Fonte: Vatican Information Center + Feed RSS

Ulteriori informazioni su questa Udienza:

  • Radio Vaticana – File mp3
  • Agenzia SIR
Articolo precedente“IO CI SONO” Terza domenica di Avvento 2008 – ANNO B
Articolo successivoAvvento nella Città di Gesù