Stefano Mons. Russo – Un cuore povero per Natale

32

GLI AUGURI NATALIZI DI MONS. RUSSO, SEGRETARIO GENERALE CEI

Buon Natale… povero.

Proprio così! Auguro a voi, e a me stesso, proprio un Natale povero.

Non perché desidero che abbiate il conto corrente in rosso o la tavola sguarnita. Anzi… Spero che la mensa della vostra casa sia abbondante e curata, e che la vostra tavola sia affollata di persone che vi vogliono bene e a cui ne volete. E spero che abbiate una tale serenità economica da poter tendere la mano a tanti altri fratelli nel bisogno.

Ma non basterà questo a rendere felice il nostro Natale.

Così come non basterà alle nostre comunità parrocchiali e diocesane il ritrovarci nel modo più solenne, attorno al presepe più bello e artistico, con i canti più curati e persino con i volontari della Caritas più solerti e attenti ai più poveri. Tutto questo servirà e sarà necessario.

Ma non basterà questo a rendere felice il nostro Natale.

Una cosa, una sola, può fare davvero la differenza, ed è questa che mi auguro e vi auguro: un cuore povero. Un cuore che non pensi di avere già tutto quello che occorre, ma che sia affamato di salvezza e assetato di giustizia.

Un cuore come quello dei pastori, che a differenza di quanti non avevano trovato posto nella loro locanda, si misero in cammino nella notte e incontrarono gli angeli.

Un cuore come quello dei Magi, che seppero staccarsi dalle loro comodità e dai loro studi per seguire la stella, e al vederla provarono una grandissima gioia.

Un cuore come quello di Maria.

A lei affido ciascuno di voi e le vostre famiglie, e tutte le comunità del nostro Paese. Buon Natale povero! L’infinita misericordia del Dio che si fa Bambino sia la nostra unica, vera, ricchezza.

Vi benedico e prego per ciascuno di voi.

Stefano Mons. Russo

Segretario Generale

Conferenza Episcopale Italiana

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 29 Dicembre 2019 – p. Raniero Cantalamessa
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 27 Dicembre 2019