Quaresima a Bose: Peccato, perdono, conversione. Il libro di Osea

38

Solo conoscendo il Signore riusciamo a giudicare i nostri peccati come un cammino di morte che abbiamo percorso, come una contraddizione a una vita piena, e nel contempo giungiamo a comprendere il suo amore incondizionato. Al peccato risponde il perdono di Dio ed è proprio il perdono di Dio che causa la conversione, perché la conversione e il perdono hanno come soggetto Dio: solo la forza dello Spirito santo, solo l’amore preveniente di Dio ci converte.

È il cuore del libro di Osea il cui messaggio ha aperto una strada alla rivelazione che Gesù ha fatto di Dio, del suo amore che non viene meno: «se noi diventiamo infedeli, lui resta fedele perché non può smentire se stesso». La conversione è sempre possibile: il Signore ci supplica di ritornare a lui e ci chiede che noi gli apriamo una via.

In questo doppio CD è inciso il ritiro di Quaresima predicato da fr. Enzo Bianchi a Bose il 26 febbraio 2012.

[powerpress]

Per ordinare il CD:

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 04 marzo 2012 – don Claudio Doglio
Articolo successivoCommento al Vangelo del 4 marzo 2012 – don Domenico Luciani