“Una primavera senza preavvisi” – Alberto Melloni

112

Cosa significa prendere il bastone del pellegrino? Frequentare i crocevia della storia. Aprirci a visioni planetarie. Cambiare mentalità e rotta. Sperimentare un nuovo modo di essere religiosi. Uscire dal guscio della ritualità. Confrontarci con gli altri. Andare verso l’incrocio delle culture. Ma non basta. Occorre anche la bisaccia: non quella del viandante, ma quella del cercatore, del mendicante. Noi cristiani siamo troppo abituati a riempire la bisaccia per andare a scaricarla agli altri. Invece ce la dobbiamo portare vuota, per riempirla dei valori che possono darci gli altri. (mons. Tonino Bello)

[powerpress]

Fonte: http://www.parrocchiaoreno.it/

 

Articolo precedenteI profeti Naum e Abacuc
Articolo successivoConcorso ifeelCUD 2014