Il numero 0 del Sussidio alla GMG 2016 di Cracovia

98

sussidio-gmg2016La GMG non è solo un evento da vivere in loco, ma l’occasione di camminare insieme e, lungo questo cammino, riflettere su quello che ci aspetta, su quanto vedremo e toccheremo con mano e su ciò che ci porteremo a casa una volta tornati a casa. 
Il Servizio nazionale per la pastorale giovanile ha pensato a sei passi che potessero accompagnare i giovani verso il grande evento di Cracovia e riportarli indietro con l’idea che il cammino non si chiude con la GMG.
 
Il sussidio ‘Verso Cracovia’ vuole andare incontro e coinvolgere anche tutti i giovani che non potranno partecipare alla GMG ma che non devono restare fuori da un cammino di riflessione e preparazione a un evento che si inserisce nel cammino ordinario delle chiese locali.
 
 Per aiutare gli educatori dei giovani, sacerdoti e laici, nel cammino di accompagnamento abbiamo realizzato un sussidio che offre degli spunti su diversi temi: storia, cultura e spiritualità.

Scarica il sussidio in PDF

L’indice del sussidio:
 
UNO. VERSO CRACOVIA – LE DIREZIONI

la GMG come percorso e non solo come evento
prepararsi
andare
tornare
i giovani
coinvolgere: una chiesa e il suo territorio

[ads2]DUE. VERSO CRACOVIA – FEDE E SPIRITUALITÀ

le Beatitudini della GMG
la Croce
la Madonna
Giovanni Paolo II
Le figure di Santi

TRE. VERSO CRACOVIA – UN’ALTRA CULTURA

Europa e Mitteleuropa
La Chiesa dell’Est
La banalità del male: Auschwitz e la memoria
Il comunismo e la caduta del muro
La tradizione musicale
L’arte e l’olocausto

QUATTRO. VERSO CRACOVIA – LA CITTÀ

Il Wawel e la Cattedrale di san Stanislao
La piazza del mercato
Le chiese e le strade
La finestra del Papa e il dialogo con i giovani

CINQUE. VERSO CRACOVIA – GLI STRUMENTI

incontri a gruppi
incontri con grandi numeri
libri e testi
film e video
internet

SEI. VERSO CRACOVIA – RI-PARTENZE

la verifica di un cammino
ciò che resta nel cuore
accompagnare i giovani a tornare al quotidiano
raccogliere e rilanciare in percorsi nuovi
provocazioni legate ai capitoli precedenti come forma di rilettura e verifica dell’accaduto

Fonte