Enzo Bianchi – “Passione, morte e resurrezione di Gesù secondo Giovanni”

196

Nel quarto vangelo la passione di Gesù viene letta non solo come epifania della violenza dell’uomo sull’uomo, ma anche come redenzione della violenza e perciò rivelazione dell’agápe. Gesù ha fatto di uno strumento ignominioso, la croce, una via di gloria, la via dell’amore: l’amore di chi dà la vita per gli altri, di chi non arriva neanche a difendersi perché non vuole fare il male che altri hanno fatto a lui. L’amore è più forte della morte, e l’amore per noi è resurrezione. La morte e la resurrezione per Gesù sono un unico evento: noi guardiamo al Crocifisso, e simultaneamente possiamo confessarlo come vivente, risorto, Figlio di Dio.

1. Introduzione. La gloria, l’ora e l’innalzamento di Gesù
2. Gesù il “Figlio”. L’arresto di Gesù: Gv 18,1-11
3. Il processo religioso: Gv 18,12-27
4. Il processo civile: Gv 18,28-32. Gesù davanti a Pilato: Gv 18,33-38a
5. Pilato e i Giudei. L’incoronazione: Gv 18,38b-19,7
6. La condanna a morte e la crocifissione: Gv 19,7-22
7. La morte di Gesù: Gv 19,23-37
8. Il giardino del seppellimento: Gv 19,38-42. La resurrezione: Gv 20

Bose, 5-9 agosto 2019

ACQUISTA IL CD

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.