Domenica 25 Maggio 2008 – Preghiera del Regina Coeli

94

BENEDETTO XVI
ANGELUS
Piazza San Pietro
Domenica, 25 maggio 2008 – Corpus Domini

Parole del Santo Padre Benedetto XVI e preghiera del Regina Coeli nella domenica del Corpus domini

{audio}http://media01.vatiradio.va/podcast/00115750.MP3{/audio}

Oppure ascolta in {mgmediabot2}path=http://media01.vatiradio.va/podcast/00115750.MP3|popup=una finestra pop-up|width=300|height=50{/mgmediabot2}

BENEDETTO XVI

ANGELUS

Piazza San Pietro
Domenica, 25 maggio 2008

Cari fratelli e sorelle!

In Italia e in diversi Paesi ricorre oggi la solennità del Corpus Domini,
che in Vaticano e in altre nazioni è stato già celebrato giovedì scorso. E’ la
festa dell’Eucaristia, dono meraviglioso di Cristo, che nell’Ultima Cena ha
voluto lasciarci il memoriale della sua Pasqua, il sacramento del suo Corpo e
del suo Sangue, pegno di immenso amore per noi. Una settimana fa i nostri
sguardi erano attratti del mistero della Santissima Trinità; quest’oggi siamo
invitati a fissarli sull’Ostia santa: è lo stesso Dio! Lo stesso Amore! Questa è
la bellezza della verità cristiana: il Creatore e Signore di tutte le cose si è
fatto “chicco di grano” per esser seminato nella nostra terra, nei solchi della
nostra storia; si è fatto pane per essere spezzato, condiviso, mangiato; si è
fatto nostro cibo per darci la vita, la sua stessa vita divina. Nacque a
Betlemme, che in ebraico significa “Casa del pane”, e quando incominciò a
predicare alle folle rivelò che il Padre l’aveva mandato nel mondo come “pane
vivo disceso dal cielo”, come “pane della vita”.

L’Eucaristia è scuola di carità e di solidarietà. Chi si nutre del Pane di
Cristo non può restare indifferente dinanzi a chi, anche ai nostri giorni, è
privo del pane quotidiano. Tanti genitori riescono a malapena a procurarlo per
sé e per i propri bambini. E’ un problema sempre più grave, che la comunità
internazionale fa grande fatica a risolvere. La Chiesa non solo prega “dacci
oggi il nostro pane quotidiano”, ma, sull’esempio del suo Signore, si impegna in
tutti i modi a “moltiplicare i cinque pani e due pesci” con innumerevoli
iniziative di promozione umana e di condivisione, perché nessuno manchi del
necessario per vivere.

Cari fratelli e sorelle, la festa del Corpus Domini sia occasione per
crescere in questa concreta attenzione ai fratelli, specialmente ai poveri. Ci
ottenga questa grazia la Vergine Maria, dalla quale il Figlio di Dio ha preso la
carne e il sangue, come ripetiamo in un celebre inno eucaristico, musicato dai
più grandi compositori: “Ave verum corpus natum de Maria Virgine“, e che
si conclude con l’invocazione: “O Iesu dulcis, o Iesu pie, o Iesu fili Mariae!“.
Maria, che portando nel suo seno Gesù fu il “tabernacolo” vivente
dell’Eucaristia, ci comunichi la sua stessa fede nel santo mistero del Corpo e
del Sangue del suo divin Figlio, perché sia veramente il centro della nostra
vita. Attorno a Lei ci ritroveremo sabato prossimo 31 maggio, alle ore 20, in
Piazza San Pietro, per una speciale celebrazione a conclusione del mese mariano.

Dopo l’Angelus

Saluto con grande affetto i pellegrini di lingua cinese, che sono convenuti a
Roma da tutta Italia in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la
Chiesa in Cina. Affido all’amore misericordioso di Dio tutti quei vostri
concittadini che in questi giorni sono morti in conseguenza del terremoto, che
ha colpito una vasta aerea del vostro Paese. Rinnovo la mia vicinanza personale
a quanti stanno vivendo ore di angoscia e di tribolazione. Grazie alla fraterna
solidarietà di tutti, possano le popolazioni di quelle zone tornare presto alla
normalità della vita quotidiana. Insieme con voi chiedo a Maria, Aiuto dei
Cristiani, Nostra Signora di Sheshan, di sostenere “l’impegno di quanti in Cina,
tra le quotidiane fatiche, continuano a credere, a sperare, ad amare, affinché
mai temano di parlare di Gesù al mondo e del mondo a Gesù”, rimanendo “sempre
testimoni credibili” del suo amore e “mantenendosi uniti alla roccia di Pietro
su cui è costruita la Chiesa”.

Chers pèlerins francophones, je vous adresse mes salutations cordiales.
Beaucoup de Pays célèbrent aujourd’hui la solennité du Corps et du Sang du
Christ, la Fête-Dieu. Puissiez-vous demeurer proches du Christ, réellement
présent dans l’Eucharistie, en prenant notamment des temps d’adoration devant le
Saint-Sacrement. Le Seigneur viendra affermir votre foi et vous donner la force
pour le témoignage. Avec ma Bénédiction apostolique.

I am happy to greet all the English-speaking pilgrims and visitors present
for this Angelus. Today the Church celebrates in different places the Solemnity
of the Body and Blood of Christ. On Thursday with many of the faithful, I had
the joy of taking part in the Corpus Christi procession and venerating this Holy
Sacrament in prayer and adoration. Our faith invites us to receive the Body and
Blood of Christ with pure hearts so as to enter into communion with him. May his
presence always renew our Christian love as we journey with him to Eternal Life.
I wish you all a pleasant stay in Rome, and a blessed Sunday!

Von Herzen heiße ich alle Pilger und Besucher aus dem deutschen Sprachraum
hier auf dem Petersplatz willkommen. Unter ihnen begrüße ich besonders die
zahlreichen Musiker und ihre Freunde, die anläßlich der großen Musikparade in
diesen Tagen nach Rom gekommen sind. – Am letzten Sonntag im Marienmonat Mai
danken wir der Gottesmutter für ihren beständigen Beistand und legen all unsere
Anliegen vertrauensvoll in ihre Hände. Die Mutter des Erlösers erwirke uns
Gottes reichen Segen.

Saludo con afecto a los peregrinos de lengua española, en particular a los
fieles de las Parroquias de Santa Teresa, de Toledo, y de Santa María, de Los
Yébenes, así como a los miembros de la Obra de la Iglesia, que participan en
esta oración mariana. En este día, en el que en algunos lugares se celebra la
solemnidad del Corpus Christi, os invito a participar activamente en la
Eucaristía y a venerar con devoción el Santísimo Sacramento, para que
experimentemos constantemente el fruto de la redención. Feliz domingo a todos.

Pozdravljam romarje iz Št. Jurija pri Grosupljem v Sloveniji! Naj vam bo to
vaše romanje v pomoč, da boste odprti za darove Svetega Duha rasli v veri,
upanju in ljubezni. Naj bo z vami moj blagoslov!

[Saluto i pellegrini provenienti da Št. Jurij pri Grosupljem in Slovenia!
Questo vostro pellegrinaggio vi aiuti ad essere aperti ai doni dello Spirito
Santo, affinché cresciate nella fede, nella speranza e nella carità. Vi
accompagni la mia Benedizione!]

Od srca pozdravljam hrvatske hodočasnike, a osobito sudionike duhovnih vježbi
Svetoga Ignacija iz Hrvatske, Slovenije i Bosne i Hercegovine. Neka vas u
svakodnevnom nastojanju da prepoznajete i vršite Božju volju vodi Duh Sveti i
krijepi Sveta Pričest. Hvaljen Isus i Marija!

[Saluto di cuore i pellegrini croati, particolarmente i partecipanti agli
Esercizi spirituali di Sant’Ignazio, che provengono dalla Croazia, Slovenia,
Bosnia ed Erzegovina. Nell’impegno quotidiano di riconoscere e di compiere la
volontà di Dio vi guidi lo Spirito Santo e vi rinvigorisca la santa Comunione.
Siano lodati Gesù e Maria!]

Witam uczestniczących w modlitwie „Anioł Pański” Polaków! Dziękuję za
to, że jesteście wierni tradycji nabożeństw majowych i procesji Bożego Ciała.
Niech Maryja „Niewiasta Eucharystii”, jak nazwał Ją Sługa Boży Jan Paweł
II, uczy nas jak stawać się ludźmi Eucharystii, jak być świadkami Bożej miłości.
Niech uprosi dla wszystkich moc wiary i pokój ducha. Z serca wam błogosławię.

[Do il benvenuto ai Polacchi presenti a questo Angelus. Vi ringrazio per
essere fedeli alla tradizione delle funzioni mariane del mese di maggio e alle
processioni del Corpus Domini. Maria, “Donna eucaristica”, come l’ha chiamata il
Servo di Dio Giovanni Paolo II, insegni a noi come diventare uomini e donne
dell’Eucaristia, come essere testimoni dell’amore di Dio. Ed impetri per tutti
la forza della fede e la pace dello spirito. Vi benedico di cuore.]

Saluto con affetto i pellegrini di lingua italiana, in particolare i ragazzi
di Coviolo (Reggio Emilia), che si preparano a ricevere la Cresima; Direttori ed
alunni del Collegio “Rosa e Carolina Agazzi” di Barquisimeto, Venezuela; il
gruppo che ha percorso a cavallo la Via Francigena; l’Associazione Motociclisti
Forze di Polizia; la Croce Verde pubblica assistenza di Lucca – sezione
Garfagnana. Infine, in occasione della Giornata nazionale del Sollievo, saluto
quanti sono radunati presso il Policlinico “Gemelli” per promuovere la
solidarietà con le persone affette da malattie non guaribili. A tutti auguro una
buona domenica.

© Copyright 2008 – Libreria
Editrice Vaticana

Testo completo con le altre lingue

The content of this podcast is made available only for personal and
private use and cannot be exploited for commercial purposes, without
prior written authorization by Vatican Radio. For further information,
please contact the International Relation Office at relint [chiocciola] vatiradio.va

Link al feed Rss di Radio Vaticana per l’Angelus e le Udienze Generali