Domenica 11 Maggio 2008 – Preghiera del Regina Coeli

112

Parole del Santo Padre Benedetto XVI e preghiera del Regina Coeli nella domenica di Pentecoste. 

Parole del Santo Padre Benedetto XVI e preghiera del Regina Coeli nella domenica di Pentecoste. 

{audio}http://media01.vatiradio.va/podcast/00113953.MP3{/audio}

Oppure ascolta in {mgmediabot2}path=http://media01.vatiradio.va/podcast/00113953.MP3|popup=una finestra pop-up|width=300|height=50{/mgmediabot2}

 


SOLENNITÀ DI PENTECOSTE

BENEDETTO XVI

REGINA CÆLI

Piazza San Pietro
Domenica, 11 maggio 2008

 

Cari fratelli e sorelle,

celebriamo oggi la
solennità di Pentecoste,
antica festa ebraica in cui si faceva memoria dell’Alleanza stretta da Dio col
suo popolo al monte Sinai (cfr Es 19). Essa diventò anche festa cristiana
proprio per quanto avvenne in tale ricorrenza, 50 giorni dopo la Pasqua di Gesù.
Leggiamo negli Atti degli Apostoli che i discepoli erano riuniti in
preghiera nel Cenacolo, quando su di essi scese con potenza lo Spirito Santo,
come vento e come fuoco. Essi allora si misero ad annunciare in molte lingue la
buona notizia della risurrezione di Cristo (cfr 2,1-4). Fu quello il "battesimo
nello Spirito Santo", che era stato già preannunciato da Giovanni Battista: "Io
vi battezzo con acqua – diceva alle folle – ma colui che viene dopo di me è più
potente di me … Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco" (Mt 3,11).
In effetti, tutta la missione di Gesù era stata finalizzata a donare agli uomini
lo Spirito di Dio e a battezzarli nel suo "lavacro" di rigenerazione. Questo si
è realizzato con la sua glorificazione (cfr Gv 7,39), cioè mediante la
sua morte e risurrezione: allora lo Spirito di Dio è stato effuso in modo
sovrabbondante, come una cascata capace di purificare ogni cuore, di spegnere
l’incendio del male e di accendere nel mondo il fuoco dell’amore divino.

Gli Atti degli Apostoli presentano la Pentecoste come adempimento di
tale promessa e dunque come coronamento di tutta la missione di Gesù. Egli
stesso, dopo la sua risurrezione, ordinò ai discepoli di rimanere a Gerusalemme,
perché – disse – "voi sarete battezzati in Spirito Santo tra non molti giorni" (At
1,5); e aggiunse: "Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi
sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli
estremi confini della terra" (At 1,8). La Pentecoste è perciò, in modo
speciale, il battesimo della Chiesa che intraprende la sua missione universale a
cominciare dalle strade di Gerusalemme, con la prodigiosa predicazione nelle
diverse lingue dell’umanità. In questo battesimo di Spirito Santo sono
inseparabili la dimensione personale e quella comunitaria, l’"io" del discepolo
e il "noi" della Chiesa. Lo Spirito consacra la persona e la rende al tempo
stesso membro vivo del Corpo mistico di Cristo, partecipe della missione di
testimoniare il suo amore. E questo si attua mediante i Sacramenti
dell’iniziazione cristiana: il Battesimo e la Confermazione. Nel mio
Messaggio
per la prossima Giornata Mondiale della Gioventù 2008
, ho proposto ai giovani di
riscoprire la presenza dello Spirito Santo nella loro vita e, quindi,
l’importanza di questi Sacramenti. Oggi vorrei estendere l’invito a tutti:
riscopriamo, cari fratelli e sorelle, la bellezza di essere battezzati nello
Spirito Santo; riprendiamo coscienza del nostro Battesimo e della nostra
Confermazione, sorgenti di grazia sempre attuale.

Chiediamo alla Vergine Maria di ottenere anche oggi alla Chiesa una rinnovata
Pentecoste, che infonda in tutti, in modo speciale nei giovani, la gioia di
vivere e testimoniare il Vangelo.


Dopo il Regina Cæli:

Ho seguito con profonda preoccupazione, nei giorni scorsi, la situazione in
Libano, dove, allo stallo dell’iniziativa politica, hanno fatto seguito,
dapprima, la violenza verbale e poi gli scontri armati, con numerosi morti e
feriti. Anche se, nelle ultime ore, la tensione si è allentata, ritengo oggi
doveroso esortare i libanesi ad abbandonare ogni logica di contrapposizione
aggressiva, che porterebbe il loro caro Paese verso l’irreparabile.

Il
dialogo, la mutua comprensione e la ricerca del ragionevole compromesso sono
l’unica via che può restituire al Libano le sue istituzioni e alla popolazione
la sicurezza necessaria per una vita quotidiana dignitosa e ricca di speranza
nel domani.

Che il Libano, per l’intercessione di Nostra Signora del Libano, sappia
rispondere con coraggio alla sua vocazione di essere, per il Medio Oriente e per
il mondo intero, segno della reale possibilità di pacifica e costruttiva
convivenza tra gli uomini. Le diverse comunità che lo compongono – come
ricordava l’Esortazione post-sinodale
Una nuova speranza per il Libano

(cfr n. 1) – sono al tempo stesso "una ricchezza, un’originalità ed una
difficoltà. Ma far vivere il Libano è un compito comune di tutti i suoi
abitanti". Con Maria, Vergine in preghiera a Pentecoste, chiediamo
all’Onnipotente un’abbondante effusione dello Spirito Santo, lo Spirito
dell’unità e della concordia, che a tutti ispiri pensieri di pace e di
riconciliazione.

Saluto con affetto il folto gruppo di "Ragazzi per l’unità", del Movimento
dei Focolari, provenienti da molti Paesi dei cinque continenti. Cari ragazzi,
voi siete un bel segno del fatto che la Chiesa parla tutte le lingue! Seguendo
il carisma di Chiara Lubich, continuate con entusiasmo la vostra "corsa per
l’unità".

Je vous salue cordialement, chers pèlerins francophones, présents place
Saint-Pierre en ce dimanche de Pentecôte. Comme la Vierge Marie et les Apôtres
au Cénacle, puissiez-vous accueillir l’Esprit Saint, qui vient renouveler votre
être intérieur et faire de vous des témoins de l’Évangile là où vous demeurez.
Par l’annonce des mystères du salut, qui est l’œuvre de tous les fidèles, vous
donnez aux hommes de notre temps l’espérance qui ne déçoit pas. Avec ma
Bénédiction apostolique.

I offer a warm welcome to the English-speaking visitors gathered for this
Angelus prayer, including the group from Magdalen College in the United States.
On this Pentecost Sunday let us pray for a fresh outpouring of the Holy Spirit
upon the Church. May the Spirit’s gifts of life and holiness confirm us in our
witness to the Risen Lord and fill our hearts with fervent hope in his promises!
Upon all of you I cordially invoke Holy Spirit’s gifts of wisdom, joy and peace.
God bless you!

„Frohe Pfingsten!" rufe ich allen deutschsprachigen Pilgern und Besuchern
hier auf dem Petersplatz zu. Besonders grüße ich die vielen jungen Menschen,
unter ihnen die Gruppen der Fokolarbewegung und der Gemeinschaft Sant’Egidio.
„Komm, Heiliger Geist!" ist der Bittruf der heutigen Liturgie. Dazu ist es
nötig, daß wir selbst ihm unsere Herzenstüren öffnen, damit er das Kalte und
Erstarrte in uns wegnehme und uns die stille Kraft der göttlichen Liebe schenke.
Gottes Geist führe euch auf Wegen des Friedens und des Heils!

Saludo con afecto a los fieles de lengua española en esta solemnidad de
Pentecostés, exhortando a todos a invocar los dones del Espíritu Santo, que guía
la Iglesia, para robustecer la fe, vivificar la esperanza e iluminar el camino
que lleva a renovar la faz de la tierra con la fuerza del amor y el compromiso
por la paz y la unidad. ¡Feliz Pentecostés!

Serdecznie pozdrawiam Polaków. Dzisiaj w Krakowie odbywa się tradycyjna
procesja i Msza św. ku czci św. Stanisława. Jednoczymy się w modlitwie z
biskupami i wiernymi zgromadzonymi na Skałce. Duch Święty, który objawił się w
życiu Męczennika jako dar niezłomnej wiary i męstwa, niech napełnia wszystkich
miłością Boga i braci. Niech Jego obecność i błogosławieństwo stale wam
towarzyszy.

[Saluto cordialmente i polacchi. Oggi a Cracovia si svolgono la
tradizionale processione e la S. Messa in onore di S. Stanislao. Uniamoci nella
preghiera con i Vescovi e i fedeli radunati a Skalka. Lo Spirito Santo che si è
manifestato nella vita del Martire come dono di una fede salda e intrepida,
colmi tutti dell’amore per Dio e per i fratelli. La Sua presenza e la Sua
benedizione vi accompagnino sempre.]

Rivolgo infine un cordiale saluto ai pellegrini di lingua italiana, in
particolare ai ragazzi di San Martino Gusnago che hanno ricevuto la Cresima, al
gruppo dell’Associazione Nazionale Emodializzati e agli alunni della Scuola
"Maria Ausiliatrice" di Catania. A tutti auguro una buona domenica di
Pentecoste.

 

© Copyright 2008 – Libreria
Editrice Vaticana

Testo completo con le altre lingue 

The content of this podcast is made available only for personal and
private use and cannot be exploited for commercial purposes, without
prior written authorization by Vatican Radio. For further information,
please contact the International Relation Office at relint [chiocciola] vatiradio.va