Comunità-Community: la fede nel web

127

Religious tolerance illustrationCosa accade quando il sentimento religioso si immerge nell’ “ambiente” dei social network, ovvero nel reticolo di una comunicazione globale, impersonale, sconfinata e atemporale. Senza uno spazio sacro, né un tempo sacro, ritmato dalle medesime liturgie, può una comunità religiosa preservare la consistenza della sua esperienza? E quali codici deve adottare nel suo farsi community? Tra i mille rischi e criticità del web, zona franca per antonomasia, un messaggio che si vuole conforme a una dottrina derivata da una Verità, si espone al vociare caotico e alla rielaborazione arbitraria della rete, dove tutto può essere detto, contraddetto, frainteso, negato e soprattutto relativizzato. I nostri ospiti, Dario Morelli , esperto di diritto ecclesiastico della comunicazione, Giuseppe Frangi, direttore di “YallaItalia”, il blog delle seconde generazioni del mondo arabo, e Raffaele Carcano, segretario dell’” Unione Atei Agnostici Razionalisti”,  ci aiuteranno a farci strada nel fitto intrico digitale, tra vuoti normativi, contraddizioni e straordinarie potenzialità.

[powerpress]

Suggerimenti di lettura

  • D. Morelli, E Dio creò i media, Baldini & Castoldi 2014.
  • E. Pace, La comunicazione invisibile. Le religioni in rete, Edizioni San Paolo 2013.
  • A. Vitullo, Religioni e internet: evangelizzazione o reincantamento del mondo?, in A. Melloni (a cura di), Rapporto sull’analfabetismo religioso in Italia, Il Mulino 2014, pp.355-367.
  • C. Helland, Online-Religion/Religion-Online and Virtual Communitas, in J.K. Hadden e D.Cowan (a cura di), Religion on the Internet, Elsevier Science Inc., 2000, pp. 205-224.

Fonte