Commento al Vangelo – Domenica 1 MARZO 2009 – Prima di Quaresima

11

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA 1 Marzo 2009 – I DOMENICA DI QUARESIMA (Anno B) a cura di Antonio Di Lieto. Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Baciàti dalle sue parole !

[audio:http://www.bellanotizia.it/Materiali/2009%20ANNO%20B/19_I_QUA_uncuorepulito/01_Mar_09_-_Un_cuore_pulito_!_-.mp3]

Commento alle Letture

PRIMA LETTURA (Genesi 9,8-15)

Dopo aver purificato il mondo in quaranta giorni, con il diluvio universale, Dio disse a Noè ed ai suoi figli: “Voi eravate gli unici uomini rimasti sulla terra con il CUORE PULITO. Per questo ora stipulerò con voi e con tutti gli esseri viventi della terra, un magnifico patto d’amore. E visto che tra me e gli uomini ora è tornata l’amicizia, vi prometto che non farò mai più venire un diluvio universale!”. Così Dio fece apparire l’arcobaleno nel cielo e concluse: “Questo è il segno dell’eterno patto d’amore che stipulo con voi e con tutti gli uomini futuri. Quando dopo la pioggia infatti apparirà l’arcobaleno, voi vi ricorderete della mia alleanza: che io vi ho promesso che dopo ogni tempesta farò tornare sempre il sereno. Infatti non userò mai più l’acqua per distruggere gli uomini, ma solo per purificarli: e rendere il loro CUORE PULITO !”.

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 24,4-9)

Il Signore ci guida sulle strade della fedeltà e dell’amore. Mio Dio, fammi conoscere le tue strade: indicami i tuoi sentieri. Guidami ed insegnami ad esserti fedele: perché Tu desideri solo la mia salvezza. Ricordati della Tua misericordia: del tuo immenso amore. Ricordati di me: nella tua infinita bontà. Buono e retto infatti è il nostro Dio, che guida gli umili sulla strada giusta. Ed ai peccatori indica la via per purificarsi: per tornare ad avere UN CUORE PULITO!

SECONDA LETTURA (dalla prima lettera di san Pietro 3,18-22)

Carissimi fratelli, Cristo è morto per i peccati degli uomini. Era innocente, eppure si è offerto per i malvagi: per ricondurci sani e salvi a Dio. E’ stato messo a morte nel corpo: ma nello spirito è rimasto sempre vivo. In spirito infatti Lui è sceso nel regno dei morti, a portare l’annuncio di salvezza a tutte le anime che in passato hanno rifiutato il Signore: come quelli che deridevano Noè mentre costruiva l’arca. Verso di loro nella Sua infinita bontà, Dio aveva mostrato una grande pazienza: nella speranza che cambiassero. Ma quelli avevano la testa dura: ed alla fine solo poche persone – otto in tutto – vollero salire sull’arca e si salvarono dall’acqua.
E l’acqua di quel diluvio con cui Dio purificò il mondo in quaranta giorni, ricorda l’acqua del battesimo con il quale siamo stati purificati: non tanto nel corpo ma nel CUORE. Il battesimo infatti significa rivolgersi a Dio con CUORE PULITO, invocando la propria salvezza e resurrezione: in virtù della resurrezione di Cristo. Gesù infatti ora è risorto ed è al fianco di Dio, dove è giunto dopo essere salito al cielo: ed aver ottenuto la piena sovranità su tutti gli angeli, le forze e le potenze celesti !

VANGELO (Marco 1,12-15)

La tentazione di GesùIn quel tempo, lo Spirito di Dio spinse Gesù ad andare nel deserto, a preparare la sua missione: digiunando e pregando per quaranta giorni. Lì fu tentato da Satana, che cercò in tutti i modi di insuperbirlo: ma il suo CUORE rimase sempre umile, semplice, PULITO. Così visse quaranta giorni tra le bestie selvatiche, servito dagli angeli.

Dopo l’arresto di Giovanni Battista poi, Gesù capì che era giunto il Suo momento. Allora tornò nella regione della Galilèa e, proclamando la Sua bellanotizia, cominciò a dire: “Il tempo della salvezza è arrivato: il regno di Dio è vicino! Convertitevi e credete al vangelo: aderite alla mia bellanotizia. Accogliete il mio annuncio di salvezza: con CUORE PULITO!”.

 

Link Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.
Note Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.

Articolo precedenteSan Paolo: una strategia di annuncio
Articolo successivo“Il web e l’informatica vanno umanizzati”