Vivere tra grazia e libertà

300

San Paolo enumera alcuni frutti dello Spirito Santo: «Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé» (Gal 5,22).

Il contesto in cui ricorre questa presentazione dei frutti dello Spirito è quello della lotta tra la carne e lo spirito. Infatti, prima della enumerazione dei frutti dello Spirito, san Paolo enumera “le opere della carne”: «Le opere della carne sono ben note: fornicazione, impurità, dissolutezze, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere» (Gal 5,19-21). E immediatamente prima l’Apostolo aveva esortato: «Camminate secondo lo Spirito» (Gal 5,16).

È importante precisare che nel linguaggio paolino l’opposizione “carne-spirito” non equivale all’opposizione “corpo-anima”, ma il termine “carne” significa il principio che regola la vita dell’“uomo vecchio”, pieno di concupiscenze e voglie terrene, mentre il termine “spirito” è il principio che regola la vita dell’“uomo nuovo”, condotto dallo Spirito di Cristo.
Per la maturazione di questi frutti dello Spirito è richiesta anche l’opera dell’uomo: essi sono il risultato di una collaborazione tra la grazia e la libertà.

I frutti dello Spirito sono frutti “cristologici”, dicono, cioè, rapporto strettissimo a Cristo. Gesù aveva detto: «Chi rimane in me e io in lui porta molto frutto» (Gv 15,5). E ancora: «In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto» (Gv 15,8). Gesù è la “vite”, lo Spirito Santo è la “linfa”, grazie alla quale i discepoli, che sono i “tralci”, portano molto frutto.

Mons. Giuseppe Greco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.