“Coronavirus, la forza della preghiera.
Con Padre Gian Matteo Roggio, Pontificia Accademia Mariana Internazionale”

Undicesimo appuntamento dedicato all’emergenza Coronavirus per i tutorial WeCa, ogni mercoledì in onda su Facebook, Youtube, sul sito www.weca.it e in televisione sui canali del circuito Corallo SAT. Il tutorial di mercoledì 20 maggio, intitolato: “Coronavirus, la forza della preghiera. Con padre Gian Matteo Roggio, Pontificia Accademia Mariana Internazionale”.

In compagnia di Fabio Bolzetta, presidente WeCa, padre Gian Matteo Roggio, Pontificia Accademia Mariana Internazionale, spiegherà come la pandemia di Coronavirus sia stata per molti, anche grazie alle nuove tecnologie, l’occasione di riallacciare i rapporti con il Sacro e con la preghiera, soprattutto quella di intercessione a Maria. «Le nuove tecnologie danno la possibilità di essere presenti ad eventi che creano comunione, e noi sappiamo che Gesù ci ha detto che la preghiera più efficace viene dalla comunione che ci lega», spiega padre Roggio. Sullo sfondo l’evento «Maria nel “patto educativo globale”? Esperienze, Contenuti, Prospettive» organizzato dalla Pontificia Accademia Mariana Internazionale il 2 aprile interamente on line.

Link al video

I tutorial WeCa continueranno ad essere dedicati all’emergenza Coronavirus per raccontare le esperienze positive su pastorale e nuove tecnologie di parrocchie, associazioni e ordini religiosi.

I tutorial WeCa sono una proposta dell’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa) in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI e il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. Oltre alla diffusione tramite i social network e sul sito www.weca.it i tutorial vengono trasmessi sulle televisioni del circuito Corallo Sat, sono in podcast su Spotify e sui dispositivi Alexa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.