Padre Maurizio De Sanctis: La corona della Quaresima

383

- Pubblicità -

Tutti conosciamo la corona dell’Avvento: le 4 candele che si accendono nelle 4 domeniche che precedono il Natale del Signore. L’Avvento è tempo di conversione, di cambiamento di vita, di vita nuova… proprio come la Quaresima, proiettata verso la Pasqua del Signore, e allora… perché non realizzare una corona della Quaresima?? Vi propongo la CORONA DI SPINE DI GESU’!

La coronazione di spine di Gesù e stato un gesto umiliante, una burla, una presa in giro. Nella coronazione di spine, Gesù soffre sia moralmente per la presa in giro: il capo è la sede dell’intelletto, del pensiero, dell’intuizione; sia fisicamente: per le pungenti spine che si sono conficcate sul suo capo. Questa duplice sofferenza rivela Gesù quale RE DELL’UNIVERSO, ma non secondo la logica di questo mondo. Il suo trono: la croce, la sua corona: le spine, il suo comando: l’amore!

- Pubblicità -

La corona di spine si compone di 7 candele:

  • Candela dell’umiltà: Mercoledì delle ceneri
  • Candela della generosità: I domenica di Quaresima
  • Candela della purezza: II domenica di Quaresima
  • Candela della pazienza: III domenica di Quaresima
  • Candela del dominio di sé: IV domenica di Quaresima.
  • Candela dell’apprezzamento dell’altro: V domenica di Quaresima
  • Candela dell’operosità: domenica delle Palme

Queste candele hanno lo scopo di bruciare le sette spine conficcate nel capo di Gesù, i 7 vizi capitali: superbia, avarizia, lussuria, ira, gola, invidia, accidia. 

PREGHIERA SULLA CANDELA

UMILTA’: Signore Gesù benedici la candela dell’umiltà e accendi nel nostro cuore un grande amore per te che sei mite e umile di cuore. Attraverso questa fiamma brucia la spina della superbia che ti ha causato dolore e umiliazione e concedimi la grazia di essere mite e umile per piacere al Padre, nello Spirito Santo. AMEN

GENEROSITA’: Signore Gesù benedici la candela della generosità e concedici la grazia di condividere quel tanto o quel poco che abbiamo con i nostri fratelli. Liberaci dall’avarizia: dal trattenere solo per noi stessi, appesantiti dal denaro, ricchezza, opulenza, a immagine di Te che hai condiviso la tua vita con noi. AMEN

- Pubblicità -

PUREZZA: Signore Gesù benedici la candela della purezza perché possiamo essere “beati e puri di cuore” a immagine del tuo Cuore purissimo. Liberaci dalla lussuria: dalla ricerca smoderato del piacere, dalla schiavitù del sesso, dalla mercificazione del nostro corpo, tempio della tua gloria. AMEN

PAZIENZA: Signore Gesù benedici la candela della pazienza perché possiamo vincere l’ira, la rabbia, la vendetta e vivere finalmente sereni, pacificati e pacifici. Donaci la pazienza: la capacità di accettare, più che sopportare, le prove della vita. Rivestici del nuovo abito della carità perché la “carità è paziente”. AMEN

PADRONANZA DI SÉ: Signore Gesù benedici la candela della padronanza di sé perché possiamo essere liberi dal vizio della gola, dell’ingordigia, della golosità. Concedici la grazia di capire che “non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla tua bocca”. Nutrici alla tua Parola: vero cibo della vita. AMEN

APPREZZAMENTO DELL’ALTRO: Signore Gesù benedici la candela dell’apprezzamento dell’altro, e fa che possiamo gioire del vero bene dell’altro. Liberaci dall’invidia: causa della nostra tristezza, e concedici la saggezza di gioire di quello che abbiamo, anziché lamentarci di quello che non possediamo. AMEN

OPEROSITA’: Signore Gesù benedici la candela dell’operosità e concedici la grazia di essere attivi, dinamici, impegnati nella vita umana e spirituale. Aiutaci a far fruttificare i talenti che hai messo nella nostra vita, e rendici zelanti, fervorosi per le cose che riguardano lo Spirito. AMEN

A cura di Padre Maurizio De Sanctis

Download “La corona della Quaresima” la-corona-della-quaresima.pdf – Scaricato 40 volte – 228 KB

Link al video

Articolo precedentedon Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 27 Febbraio 2022
Articolo successivoAssemblea congiunta di Vescovi delegati e Sindaci delle città del Mediterraneo – Introduzione del Card. Bassetti