In origine l’altare era il luogo elevato in cui si univano Dio e il mondo: Dio vi discende e l’uomo vi sale.

L’altare è anche la tavola dove Dio e la comunità dei fedeli condividono gli alimenti sacri, in segno di comunione. Il cibo venuto da Dio è a Lui restituito in omaggio e in ringraziamento, e la parte che rimane all’uomo viene riconosciuta come totalmente sacra.
Dio e l’uomo comunicano alla stessa vita: sono in senso pieno commensali.

Nella Nuova Alleanza, Cristo, offrendo il suo corpo sulla croce diede compimento ai sacrifici antichi, e donandosi per la nostra redenzione, divenne altare, vittima e sacerdote.
Nelle nostre chiese l’altare è il centro di convergenza dell’intero edificio. Il bacio, concesso solo al sacerdote e al diacono, è un gesto di venerazione, di affetto rispettoso per un simbolo consacrato. Il bacio simbolizza l’adesione a tutto ciò che sarà attualizzato sull’altare.
Baciato l’altare, nelle Messe solenni il sacerdote lo incensa, avvolgendo nel profumo dell’incenso la sua superficie e i lati.

L’incenso è una resina aromatica che bruciando emana un fumo profumato.
In tal modo continua l’omaggio fondamentale di Cristo, che si è offerto al Padre in odore di soavità (Ef 5,2); tutti i fedeli sono poi invitati a diffondere concretamente nel mondo il buon profumo di Cristo (2 Cor 2,14-16) grazie alla loro sincera testimonianza.

Ma non si incensa solo l’altare: tutto ciò che in qualche maniera riguarda Dio o è riferito a Lui riceve l’omaggio dell’incenso: la croce, il libro dei Vangeli, le offerte, lo stesso sacerdote e i fedeli.

A cura di don Domenico Bruno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.