Momento centrale e di particolare importanza della Liturgia della Parola è la lettura del Vangelo, che durante la messa può essere fatta solo dal sacerdote o dal diacono (ad esclusione del Vangelo della passione, letto la domenica delle palme e il venerdì santo, che è fatto in forma dialogata e quindi fra più lettori) perché, avendo ricevuto il sacramento dell’ordine agiscono in nome di Gesù.

La parola del Vangelo è il compimento di tutte le parole dell’antico testamento e Gesù ne è la piena realizzazione, in lui infatti si realizza tutta la scrittura. Egli è infatti il punto di arrivo e quindi il compimento di tutto ciò che viene detto nella Bibbia.

L’importanza della lettura del vangelo è data da diversi segni. Nelle Messa più solenni per esempio il libro dei Vangeli è portato processionalmente all’ambone e affiancato da due candelieri con candele accese; prima della sua lettura (o del suo canto) viene incensato ed introdotto con il saluto del sacerdote o del diacono “il Signore sia con voi”.

Al saluto, segue il triplice segno della croce fatto sulla fronte, sulle labbra e sul cuore, così che la parola di Gesù possa indirizzare i nostri pensieri, le nostre parole e i nostri sentimenti. Alla fine della lettura viene baciata la pagina del Vangelo in atto di venerazione e rispetto. Anche lo stesso fatto di restare in piedi durante la lettura del Vangelo indica che ci troviamo alla presenza di Cristo che ci parla.

Solitamente nelle domeniche e nei giorni di festa dopo il vangelo, il sacerdote o in alcuni casi anche il diacono, tiene l’omelia. Questo momento ha la funzione di farci riflettere e capire la parola di Dio appena letta ed ascoltata e quale applicazione può avere nella nostra vita, quindi un aiuto su come vivere la vita cristiana oggi secondo il volere di Dio.

A cura di don Domenico Bruno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.