La stella di Betlemme è davvero esistita? #XmasFacts

240

Inizia oggi un percorso quotidiano che ci porterà a Natale con 24 curiosità da scoprire insieme!

Se vuoi aiutarci puoi unirti al nostro canale Telegram @iusvecuberadio e contribuire a diffondere il messaggio.

Ma la stella di Betlemme è davvero esistita?

Guarda il video per scoprire come, tra le ipotesi più curiose dell’era moderna sulla stella di Betlemme, ci sia quella suggerita dal fisico Frank Tipler che afferma…

Dal sito Cube Radio – L’emittente della Comunità Accademica dello IUSVE

#XmasFacts è una produzione di Cube Radio che si propone di accompagnare l’utente dal 2 dicembre sino al giorno di Natale con una cuorisità quotidiana affiancata da una breve riflessione e si articola come una vera e propria campagna di comunicazione multicanale.
Si parte dal testo, diffuso quotidianamenete mediante tutti i canali social della radio: Telegram (@iusvecuberadio), YoutubeTwitter, Instagram, Facebook e reso presto disponibile anche in posta elettronica con l’iscrizione ad un sistema di mailing professionale.
L’audio, realizzato con le voci di Melania Melato e Giacomo Dimatore e prodotto da Elias Manzon, verrà trasmesso a partire da domenica 2 dicembre, oltre che dalla neonata Cube Radio, anche da Radio Venezia in modulazione di fequenza sui 92.4 MHz.
Varierà di giorno in giorno a seconda dei temi affrontato il visual di riferimento, affidato a Marco Santone, mentre il video, prodotto da Federico Palisca andrà in onda anche su Cafè TV 24 e Telepace.
«#Xmas facts –spiega il professor Federico Gottardo, incaricato per la Pastorale Universitaria dello IUSVE- nasce con il desiderio di accompagnare la comunità accademica dello IUSVE nel periodo di Avvento, aprendo domande più che restituendo risposte. Tra gli oltre duemila studenti che frequentano il nostro ateneo sono presenti fedi, sensibilità e gradi di adesione molto diversi, per questo abbiamo pensato di organizzare una campagna a cerchi concentrici, all’interno della quale ciascuno si situa nel livello che sente più omogeneo alla propria esperienza»