- Pubblicità -

Il Sabato Santo la Chiesa sosta presso il sepolcro del Signore, meditando la sua passione e la sua morte, nonché la discesa agli inferi, e aspettando la sua risurrezione, nella preghiera e nel digiuno.

Spogliata la sacra mensa, la Chiesa si astiene dal sacrificio della Messa fino alla solenne Veglia o attesa notturna della risurrezione. L’attesa allora lascia il posto alla gioia pasquale, che nella sua pienezza si protrae per cinquanta giorni.

In questo giorno la santa comunione si può dare solo sotto forma di Viatico. (Cf. Messale Romano pag. 167)

Foto di Jeff Jacobs da Pixabay

Articolo precedentedon Claudio Luigi Fasulo – Commento al Vangelo del 17 Aprile 2022
Articolo successivosr. Angèle Bilegue – Commento al Vangelo del 17 Aprile 2022