Il 9 Giugno si celebra la “Pentecoste” che chiude il Tempo di Pasqua ed Introduce il Tempo Ordinario

435

La Pentecoste è, come si suol dire, una festa mobile cioè una festa senza data fissa in quanto legata alla Pasqua e si celebra 50 giorni dopo di essa.

Ma cosa significa celebrare la Pentecoste? Cos’è la Pentecoste?

La Pentecoste era già una festa ebraica; celebrava originariamente la gioia e il ringraziamento a Dio per la mietitura e il raccolto (50 giorni dopo Pasqua) ed entrata poi a far parte dell’Alleanza tra Dio e Israele (Es. 23,16).

Per noi cristiani la Pentecoste celebra particolarmente l’intervento, quasi visibile, dello Spirito Santo agli albori della nostra fede (Atti 2,1-4). Lo Spirito Santo, la terza persona della SS.ma Trinità, come professiamo nel Credo, è per noi il “motore” che rende la Chiesa attiva e operante nel mondo. La riflessione teologia “tenta” di parlare dello Spirito Santo e ci “spiega” come la sua persona si concretizza all’interno della SS.ma Trinità: il Padre (Dio) ama il Figlio e il Figlio (Gesù) ama il Padre e questo reciproco amore diventa persona.

Nell’Antico Testamento si parla dello Spirito di Dio operante nei profeti quale forza attiva e guida per il popolo di Israele; ma non è ancora chiara l’idea dello Spirito come Persona.

Nelle parole di Gesù abbiamo la consapevolezza, la rivelazione che lo Spirito è persona. Lo aveva promesso: “… io pregherò il Padre ed Egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre” (Gv. 14,16). “Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni…” (Atti 1,8). “Andate e predicate il Vangelo ad ogni creatura e battezzate nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito  San to” (Mt. 28,19).

Ed è nel giorno della Pentecoste che le parole di Gesù si realizzano con la discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli, i quali prendono forza e coraggio per uscire dal Cenacolo e annunciare apertamente la fede in Cristo morto e risorto. Nasce così la Chiesa con il compito di portare a tutte le genti di tutti i tempi l’annuncio gioioso dell’amore di Dio manifestatosi in Cristo suo Figlio.

Lo Spirito Santo opera non soltanto attraverso l’azione della Chiesa, che illumina e guida il popolo di Dio, ma opera anche in ciascuno di noi. S.Agostino così definisce lo Spirito: “silenzioso ospite della nostra anima”.
Pertanto “chi vuole sentirlo deve stare in silenzio. Spesso quest’ospite parla molto ommessamente in noi e con noi, come ad esempio nel silenzio della nostra coscienza oppure tramite altri impulsi interni ed esterni” (Youcat n. 120).

L’azione dello Spirito quindi è in continua attualizzazione: opera nella Chiesa nelle sue svariate componenti: Papa – Vescovi – popolo di Dio. A tutti affida un compito affinché la famiglia umana realizzi il grande progetto di Dio iniziato al momento della creazione e che avrà il suo compimento alla fine del mondo quando Dio sarà tutto in tutti. (cfr. 1Cor 15,23-28).

A cura di P. Vincenzo Bella per il Giornale di San Giuseppe