Giovanni Battista annunciava l’imminente venuta del Messia che avrebbe messo in riga tutti. Ma quando riconosce Cristo il suo cuore aperto si lascia spiazzare: è nella delicatezza di una colomba che viene la vera potenza dello Spirito, il vero leone della tribù di Giuda è un agnello. La grazia è divina e umana, non calpesta l’umanità ma fa maturare ciascuno in un cammino libero e sereno, a misura, pieno di buonsenso nella luce.

È bello vedere nei vangeli come Gesù accompagna ogni specifica persona nel suo personalissimo, ben al di là degli schemi, percorso, verso la pienezza della vita. Sensi di colpa, forzature, risposte meccaniche, per reazione inutili sbrachi, vengono sempre più facilmente riconosciuti dal cuore che cresce sereno nella grazia. Un cuore che in questa semplicità impara a non lasciarsi ingannare nemmeno da ferite, paure, schemi.

Quante gabbie, quanti pesi, quanti fasulli nodi, si sciolgono: il mio giogo è soave, il mio peso leggero. Il figliol prodigo si scopre svuotato, troppo dipendente da rapporti fasulli, il maggiore sente la fragilità di un cuore rigido e anaffettivo, spento ad ogni luce, ad ogni vitalità. La fuga dalla spiritualità del minore si rivela un mero fare e mero fare si scopre lo spiritualismo del primogenito. Si va allora dallo psicologo che propone come rimedio proprio un diverso mero fare, funzionare, magari variamente giustapposto a qualche non meglio identificata spiritualità.

La società della ragione astratta, della falsa tecnica a tutto campo, conduce verso il crollo personale e sociale. L’uomo ha bisogno di trovare sé stesso in una ricerca identitaria libera e serena e nel solo allora autentico scambio con gli altri. Si trovano le vie per uscire dalle vuote astrazioni riprendendo sempre più il contatto col proprio cuore semplice nella luce piena di buonsenso, a misura. Fiducia in sé perché si sta trovando la strada della fiducia in Gesù e ogni limite viene relativizzato, essendo aperti alla naturale maturazione integrale come Cristo che cresceva in sapienza, età e grazia.

Nuova spiritualità, nuova cultura, nuova filosofia, nuova scienza, nuova psicologia, nuova logica… Non più le scissioni, le astrazioni, di fede e ragione: Gesù mai ne ha parlato, ci ha invece insegnato il sentiero della coscienza spirituale e psicofisica, del cuore, che matura nella luce serena (dunque ogni uomo, anche un ateo, è, con i suoi doni, in tale andare verso il Signore). Nuova vita dunque perché in questo cammino si vive e si vede ogni cosa in modo sempre nuovo, semplice e profondo. Non a caso Maria ha detto che il suo cuore immacolato trionferà.

A cura di don Paolo Centofanti.

Photo by Pro Church Media on Unsplash

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 6 Luglio 2021
Articolo successivop. Fernando Armellini – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021